Si torna a festeggiare!

Scritto da Alessandro Pizzelli Il . Inserito in News serie B

Serie B2 maschile.

SI TORNA A FESTEGGIARE!
L’Akomag conquista due punti contro il fanalino di coda Carate.

Akomag Busseto – Carate Brianza
3 – 2
(23-25 / 25-22 / 25-19 / 26-28 / 15-13)

(Akomag Busseto: Lupi 31 , Bertuzzi 5, Sarubbi, Durante1, Dioni 1, Moroni 6, Savi 8, Ollari 16, Ruozzi 7, Grassi 16, Benecchi (L). N.e. Pellegrini . All. Codeluppi e Pizzelli.
Carate Brianza: Bonomi 12, Guastalli 1, Spinelli 2, Geromin 30, Tuomisto, Radicula, ZO 11, Santambrogio, Sangalli 4, Giussani 3, Riva 17, Bellani (L1), Boffi (L2).. N.e. Barsotti, Restori e Pietroni. All. Sirtori e Muneratti.)

Arbitri: Bassetto Nicola e Iosca Davide
Durata set: 1°Set 29 min. 2°Set. 29 min. 3°Set. 27 min. 4°Set. 34 min. 5°Set. 19 min.
Akomag: Ricezione: 59% (Prf.36#); Attacco: 79 punti e 10 errori; Battuta: 4 punti e 6 errori; Muro punti 8.
Carate: Ricezione: 54% (Prf.34 #); Attacco: 58 punti e 11 errori; Battuta: 4 punti e 7 errori; Muro punti 18.

13 13La diciottesima giornata di campionato vede l’Akomag impegnata nell’importante sfida salvezza contro il fanalino di coda Carate Brianza: la posta in gioco è alta, i punti servono ad entrambe le squadre e Ollari e compagni sanno che non possono sbagliare. Detto e fatto (a metà): proprio così, dopo oltre due ore di gioco i bussetani riescono a compiere l’impresa solo a metà, vincendo al tie-break e conquistando solo due dei tre punti in palio, salendo quindi a quota 22 punti in classifica.
I verdiani scendono in campo con Sarubbi in regia e Lupi opposto, Grassi – Ollari sull’altra diagonale e Bertuzzi-Ruozzi al centro rete con Benecchi libero.
Nel campo avversario iniziano Giussani al palleggio e Geromin opposto, Sangalli e Spinelli in posto quattro, Riva e Zo al centro con Bellani come libero di ricezione e Boffi che si occupa della difesa.
I bussetani partono troppo contratti e non convincono per gran parte del primo set; nel frattempo gli avversari, senza pensarci troppo su, colgono la palla al balzo e conquistano una manciata di punti di vantaggio che gestiscono al meglio. La diagonale Sarubbi-Lupi fatica sempre più e a metà del parziale viene sostituita con Moroni-Dioni. L’esito però non cambia e sul 23-25 Carate si porta sullo 0-1.
Il gioco riprende con l’Akomag che schiera dal primo punto la coppia Moroni-Dioni. Questa volta la situazione è invertita e sono proprio i nostri ragazzi a conquistare quel break iniziale che permette di avere il controllo sul set. Lupi ritorna sul campo di gioco al posto di Dioni e, sin dai primi palloni, sembra aver ripreso qualità e incisività che nel primo set sembrava averla scordata negli spogliatoi. Ora il meccanismo sembra decisamente più oliato e funzionante; sul finire arriva il cambio al centro con Savi che prende il posto di Bertuzzi ed i padroni di casa riportano il match in parità.
Il terzo set inizia con il sestetto che ha appena conquistato la vittoria: ora l’Akomag sembra aver trovato ritmo partita, incisività in battuta ed ordine nel muro-difesa. Gli avversari sembrano in balia degli eventi e i nostri volano dal 16-10 al 21-15. Sul finire un calo di concentrazione concede speranza al campo avversario, ma ormai è troppo tardi e Busseto vola sul 2-1.
Ora il Busseto vuole assolutamente i tre punti, ma la cosa è tutt’altro che semplice. I nostri attaccanti faticano a mettere la palla a terra e anche la ricezione inizia a dare segni di cedimento: Ollari e compagni sono costretti ad inseguire per tutto il quarto set. Sul finire però ecco il balzo che riporta le due squadre in parità sul 24 pari: l’Akomag ha tre occasioni per chiudere il match ma non riesce a concretizzare e, come in un film già visto non troppo tempo fa, gli avversari sfruttano la prima occasione utile e chiudono il set.
Un tie-break che vale la partita ma, in realtà, che vale molto di più se si da una sbirciatina alla classifica.
Carate parte fortissimo, forse sulla scia dell’entusiasmo del set appena vinto, mentre l’Akomag non riesce a reagire. Dalla panchina servono forze nuove, ed ecco che entra Durante al posto di Grassi. Ingresso esemplare per il giocatore sardo che, senza troppi “se” e troppi “ma”, risponde subito “presente” e si fa trovare pronto e concentrato. Punto dopo punto inizia la rimonta: nonostante lo svantaggio 6-10, l’Akomag ci crede e non solo recupera, ma riesce anche a chiudere il match sul 15-13, conquistando una vittoria fondamentale per il morale e per la classifica.
Da sottolineare l’ottimo ritorno del centrale Luca Savi, che ritrova il campo di gioco dopo lungo tempo, dimostrando grande incisività in attacco (86% di efficienza) e in battuta. Buono anche il match disputato dai due opposti: il bussetano Lupi, nonostante un primo set da dimenticare, chiude con 31 punti, mentre il brianzolo Geromin, con i suoi 30 punti, tiene in partita la sua squadra per gran parte del match.

A.P.

I nostri sostenitori

  • AclLogo150px  Logo ovale nuovo slogan SICIM   akomag
  • avisLogoMinozziBottega della carne
  • Fratelli Finettilogo alleroncole 20022014tornimec 2   Logo MEZZADRI 1